Trasporto pubblico locale: la cura peggio della malattia

Ancora prese per i fondelli per i calabresi da parte della Giunta Regionale.

Cosenza -

Abbiamo appena appreso che la Giunta regionale, dopo aver tagliato le tessere di libera circolazione sui servizi di trasporto locale per gli ultrasettantenni, ha cercato di porre rimedio a tale sconcio, anche a seguito delle numerose critiche da parte di associazioni e movimenti costituitisi a difesa del diritto universale alla mobilità, con un provvedimento d’urgenza che, nella sostanza, si appalesa come un ulteriore balzello a carico di coloro ai quali era stato negato il diritto alla mobilità.

Difatti, nel provvedimento è richiesta una compartecipazione al costo del servizio pari a 10 € mensili ai soli  possessori  di redditi ISEE inferiori ai 9.000,00 € che abbiano compiuto il settantesimo anno di età e residenti in Calabria, mentre resta invariato, e quindi a loro totale carico, per coloro che superano il richiamato reddito ISEE.

Sembrerebbe inoltre che i cittadini dovranno scegliere che tipo di abbonamento sottoscrivere visto che sono stati individuati due titoli diversi, uno per i servizi urbani ed uno per i servizi extraurbani e considerato che i proventi degli abbonamenti dovranno essere compresi negli incassi dell’aziende emittenti al fine di determinare il parametro ricavi/costi, ne consegue che cittadini residenti nei comuni della provincia capoluogo, per poter fruire dei servizi urbani, dovranno sottoscrivere due abbonamenti.

Viceversa, stessa sorte toccherà ai cittadini residenti nelle città capoluogo eventualmente interessati ai servizi extraurbani.

Questo, mentre assistiamo:

-          alle vicende di una Giunta regionale e del suo Presidente che ha amministrato la cosa pubblica in modo a dir poco vizioso e che non riesce ad individuare nel mare magnum del bilancio regionale, meno di 500.000,00 € per finanziare il servizio;

-           a un intero consiglio regionale che, che alla stregua della Giunta, non ha ritenuto assolutamente condividere le difficoltà dei cittadini e che continua a conservare prebende e stipendi vergognosamente esagerati rispetto al modo in cui è condotta l’azione amministrativa e al reddito medio di una famiglia calabrese che, dagli ultimi dati, non supera i 15.000 €. Annui, quasi pari ad una sola mensilità di un Consigliere.

Sarebbe bene che questa Giunta regionale e l’intero Consiglio, se veramente sentono ancora di essere utili alla causa della maggioranza dei cittadini calabresi, prendesse atto del fallimento politico e amministrativo per dare loro la possibilità di poter scegliere una nuova classe dirigente e liberarsi definitivamente della tirannie dei potentati di varia mescolanza .

 

 <formulas><f eqn="sum #0 0 10800"></f><f eqn="prod #0 2 1"></f><f eqn="sum 21600 0 @1"></f><f eqn="sum 0 0 @2"></f><f eqn="sum 21600 0 @3"></f><f eqn="if @0 @3 0"></f><f eqn="if @0 21600 @1"></f><f eqn="if @0 0 @2"></f><f eqn="if @0 @4 21600"></f><f eqn="mid @5 @6"></f><f eqn="mid @8 @5"></f><f eqn="mid @7 @8"></f><f eqn="mid @6 @7"></f><f eqn="sum @6 0 @5"></f></formulas><path textpathok="t" o:connecttype="custom" o:connectlocs="@9,0;@10,10800;@11,21600;@12,10800" o:connectangles="270,180,90,0"></path><textpath on="t" fitshape="t"></textpath><handles><h position="#0,bottomRight" xrange="6629,14971"></h></handles><lock v:ext="edit" text="t" shapetype="t"></lock><shape type="#_x0000_t136" fillcolor="red" strokecolor="black [3213]" strokeweight="1pt" style="MARGIN-TOP: 604pt; Z-INDEX: 251658240; MARGIN-LEFT: 98.25pt; WIDTH: 374.25pt; POSITION: absolute; HEIGHT: 93.45pt" id="_x0000_s1026"><shadow color="#868686"></shadow><textpath trim="t" fitpath="t" string="si al trasporto pubblico gratuito si alla mobilità bene comune " style="FONT-SIZE: 32pt; FONT-FAMILY: "Century"; v-text-kern: t"></textpath><wrap type="square"></wrap></shape>Sì al trasporto pubblico gratuito

 

sì alla mobilità bene comune

 

 

                                                   

* Questo sito usa i cookies per effettuare statistiche sulla navigazione. Navigando sul sito accetti l'utilizzo dei cookies Ulteriori Informazioni