USB DIFFIDA IL SINDACO DI CASTROVILLARI ED IL DIRIGENTE COMUNALE

Castrovillari -

Si è svolta l’assemblea dei lavoratori Lsu-Lpu del comune di Castrovillari, organizzata da USB e da un’altra sigla.

Castrovillari è l’unico grande comune e, in ogni caso, uno dei pochissimi in Calabria, a non aver dato attuazione al processo di contrattualizzazione di questi lavoratori che da oltre 15 anni stanno vivendo l’incubo del precariato a vita.

I contratti erano stati sottoscritti il 30 dicembre dello scorso anno, ma erano stati bloccati per problemi burocratici.

Prima dell’assemblea USB ha incontrato il Sindaco che si è dichiarato disponibile a risolvere il problema, assumendo l’impegno di emanare nella stessa giornata (allo stato non abbiamo notizie se ciò sia stato fatto), un atto di indirizzo, ed ha giustificato la mancata ratifica con i dubbi e la conseguente indisponibilità del dirigente responsabile, tanto che si è ritenuto di porre un quesito al Ministero.

La USB ha posto la questione delle scelte politiche che un Sindaco è tenuto a compiere, scelte che non possono essere messe in discussione da presunte perplessità di dirigenti, fugate, caso mai ce ne fosse bisogno, da un intervento legislativo intervenuto ad agosto a seguito delle azioni di lotta promosse da USB ed attuate dai lavoratori con i blocchi stradali e dei traghetti.

Per questo motivo, USB ha ritenuto che il solo impegno non possa essere ritenuto sufficiente.

A termine dell’assemblea, nel quale sono emerse le inadempienze degli uffici comunali e le responsabilità dei sindacati concertativi, è stato deliberato da una parte, di diffidare il Sindaco ad emanare una delibera di Giunta con la quale venga data esecuzione ai contratti sottoscritti lo scorso dicembre e “sospesi”, dall’altra, di diffidare e mettere in mora il dirigente che sinora ha colpevolmente ritardato l’attuazione della contrattualizzazione: diffide che la USB, unitamente all’altra sigla, ha fatto e protocollato al termine dell’assemblea.

In caso contrario saranno intraprese adeguate iniziative di lotta,

USB ha invitato anche i lavoratori a mobilitarsi per richiedere lo stanziamento dei fondi anche per il 2016, motivo per il quale la USB ha già aperto le procedure di raffreddamento presso la Commissione nazionale Scioperi.

A margine dell’assemblea, infine, si è reso noto ai lavoratori che, nei giorni scorsi, la USB ha depositato presso la Commissione Europea, la richiesta di apertura delle procedure di infrazione per il nostro Paese, per la mancata stabilizzazione dei precari, sfruttati, oltre ogni limite, con la complicità dello Stato e  trattati alla stregua di lavoratori in nero.

                                                              Federazione regionale USB P.I. Calabria

 

in allegato le diffide

* Questo sito usa i cookies per effettuare statistiche sulla navigazione. Navigando sul sito accetti l'utilizzo dei cookies Ulteriori Informazioni