Cosa scriveva la CGIL...

Lamezia Terme -

 

E’ veramente preoccupante e vergognoso quanto apparso nei giorni scorsi sulla Gazzetta del Sud a firma del rappresentante sindacale FiltCgil, il quale ha sponsorizzato, in spregio alle più elementari regole del buon senso, la discesa in campo dei privati nell’azienda SACAL.

L’art. 17 dello Statuto dei lavoratori, vieta espressamente i “sindacati di comodo”: è forse il caso di verificare se questo atteggiamento della Cgil rientra tra quelli vietati?

La nostra è una domanda che pone un interrogativo ben chiaro: la CGIL si prodiga per gli interessi dei lavoratori o pensa più semplicemente a fare sponda ad un management che con la sua azione sta mettendo a repentaglio il posto dei lavoratori in Sacal?

Infatti, il sindacalista FiltCgil, rappresentando in pieno il pensiero dell’azienda, ha sostenuto:

1) “Servono giovani manager che nelle loro aziende hanno creato sviluppo e occupazione” che tradotto in italiano semplice significa solo una cosa: Privati!

2) “Guardiamo con positività alle ultime nomine nel CdA”. Queste nomine hanno un nome preciso: imprenditori privati.

3) Ha poi continuato asserendo “che non possiamo più permetterci il lusso di farci gestire da chi ha solo interessi politici”: ancora sponsorizzazioni nei confronti dei privati.

Sia ben chiaro, USB è fermamente convinta che i condizionamenti politici non giovino all’azienda, ma sarebbe un gravissimo errore, lasciare sempre più in mano ai privati la gestione dell’azienda e privatizzarne anche solo alcuni settori.

Premesso questo, oltre a fare queste operazioni di “sponsorizzazioni”, NULLA ha fatto la CGIL se non contribuire con il suo assoluto immobilismo all’affossamento di questa società.

Mai una protesta, mai un documento di proposta, mai una denuncia, mai nulla. Ma dove vive la CGIL? E’ al corrente che nell’aeroporto di Lamezia si stanno consumando le offese ai diritti più basilari e fondamentali dei lavoratori? Lo sa che si sta procedendo ad uno smembramento delle attività ?

Inoltre, la Sacal sta provvedendo ad inventarsi nuove postazioni di lavoro, magari per premiare (il dubbio è più che legittimo), pseudo sindacalisti compiacenti o personaggi a loro vicini, nonostante siano già presenti in azienda figure professionali che hanno espletato questo servizio per anni; questo è il caso dell’ultima trovata per nuova formazione autisti PRM, settore che resterà probabilmente alla società di gestione, a discapito degli autisti settore rampa, che hanno già le necessarie abilitazioni, ma che verranno probabilmente “venduti” ai privati! Questo comportamento è in palese violazione del CCNL vigente, ma la CGIL non ha nulla da eccepire!

Nulla ha nemmeno da eccepire sul fatto che in questo momento sono a casa ben 6 Addette di Scalo ex Alitalia, rimpiazzate da altri lavoratori con meno anzianità aziendale e di facile accostamento alla CGIL.

Stessa sorte è toccata ad una trentina di lavoratori OUA, molti dei quali si sono avvicinati ormai al decennio di precariato, ed invece al loro posto vengono chiamati al lavoro operai appena giunti in azienda. Numerosi padri di famiglia lasciati a casa per mancata sorveglianza sindacale! Vergognoso e nell’assoluto silenzio della CGIL!

Infine, alcuni lavoratori, solo per aver provato a tutelare i loro diritti, effettuando una lettera interruttiva dei termini decadenziali, per ritorsione non sono stati richiamati al lavoro.

Intanto la CGIL, pur al corrente, fa finta di non sapere!

USB Settore Privato
Trasporto Aereo

Questo sito usa i cookie

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti per migliorare la tua navigazione, per analisi statistiche sull’utilizzo del sito in forma anonima e per usufruire dei servizi di terzi quali la visualizzazione di video e la condivisione dei contenuti sulle principali piattaforme social. Se vuoi saperne di più clicca sul link “Ulteriori informazioni”. Cliccando su "Abilita Cookie", presti il consenso all'uso dei cookie. I cookie tecnici saranno comunque utilizzati