Cosenza scende in piazza, USB: subito il potenziamento della Sanità pubblica e misure di sostegno per il reddito

Cosenza -

Giovedì 5 novembre è stata una giornata necessaria e importante per la città di Cosenza e per l'intera Calabria. Migliaia di cittadini sono scesi in piazza, come non accadeva da tempo, per ribadire che l'istituzione della "zona rossa" è la conseguenza ultima della gestione criminale del territorio e del taglio delle risorse, che hanno colpito sempre più duramente il servizio sanitario regionale.

Come USB abbiamo fatto i nomi e i cognomi degli artefici di questo sfacelo e ripetuto quali sono le priorità per questa terra:

  • Un piano di interventi pubblici straordinari finalizzati a potenziare la Sanità pubblica, arginando lo strapotere dei signori dalla Sanità privata, che tra le altre cose da sempre occupano anche cariche politiche rilevanti e che continuano a speculare e a ingrassare le loro tasche.  
  • Misure economiche per sostenere nell'immediato i calabresi colpiti dalla crisi, così da garantire un reddito per tutte e tutti, senza costringere nessuno a scegliere tra morire di Covid o di fame. 

Cosenza 6-11-20

USB Cosenza

Questo sito usa i cookie

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti per migliorare la tua navigazione, per analisi statistiche sull’utilizzo del sito in forma anonima e per usufruire dei servizi di terzi quali la visualizzazione di video e la condivisione dei contenuti sulle principali piattaforme social. Se vuoi saperne di più clicca sul link “Ulteriori informazioni”. Cliccando su "Abilita Cookie", presti il consenso all'uso dei cookie. I cookie tecnici saranno comunque utilizzati