Catanzaro, come nel resto d'Italia i lavoratori hanno protestato con USB contro il carovita

Catanzaro -

Chi lavora non è disponibile a sostenere una crisi economica ed energetica prodotta da chi governa. Chi quotidianamente si alza la mattina per cercare di arrivare a fine mese non è disponibile a sostenere i costi di una guerra che condanna profondamente.

Le sedi scelte da USB Catanzaro per la protesta non sono state casuali: quelle delle aziende dell'ASP di Catanzaro e dell'AO Pugliese Ciaccio, perché contro queste aziende sono state aperte recentemente da USB vertenze per rivendicare il tempo di vestizione e i buoni pasto. Vertenze che una volta vinte permetteranno ai lavoratori di avere un minino di ossigeno economico che contrasti il carovita.

La nostra azione non si fermerà qui, ma continueremo a rivendicare una nuova contrattazione nazionale che alzi i salari per adeguarli al carovita. Continueremo a rivendicare la fine immediata di una guerra che semina morte e povertà.

USB Catanzaro

Questo sito usa i cookie

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti per migliorare la tua navigazione, per analisi statistiche sull’utilizzo del sito in forma anonima e per usufruire dei servizi di terzi quali la visualizzazione di video e la condivisione dei contenuti sulle principali piattaforme social. Se vuoi saperne di più clicca sul link “Ulteriori informazioni”. Cliccando su "Abilita Cookie", presti il consenso all'uso dei cookie. I cookie tecnici saranno comunque utilizzati