USB VV.F. CALABRIA: SOLIDARIETA’ AL COLLEGA SINDACALE DI SAVONA ANDREA COSSU

Catanzaro -

I lavoratori dell’USB dei Vigili del Fuoco della Calabria vogliono esprime la massima solidarietà e vicinanza al collega permanente del Comando Provinciale di Savona e dirigente Sindacale Regionale dell’USB VV.F. Andrea Cossu, per l’increscioso accaduto al Comando Provinciale VV.F. sopra citato, per la tutela e la salvaguardia dei diritti di tutti i lavoratori del C.N.VV.F. che nella pratica giornaliera di sindacato generale l’Unione Sindacale di Base quotidianamente svolge quando si tratta di tutelare e difendere ogni singolo lavoratore di qualsiasi comparto, la stessa O.S. attiva tutti mezzi “diplomatici” e “burocratici” a disposizione per la tutela di ogni lavoratore, poiché noi siamo realisti perché esigiamo l’impossibile. Nel nostro vocabolario sindacale quotidianamente rivendichiamo quattro parole: GIUSTIZIA, LEALTA’, AUTENTICITÀ E DIRITTI DEI LAVORATORI. Mentre l’amministrazione attiva il manganello per sostituire il dialogo e per celare tutto questo, le parole della stessa O.S. in questione non perderanno mai il loro potere, poiché esse sono il mezzo per giungere al significato e all’affermazione della verità. Non è possibile tutto ciò, poiché uno chiede e rivendica diritti per un luogo di lavoro più idoneo e non solo, e dopo si ritrova che il giusto diventa l’errato. L’amministrazione (tutta) deve capire una cosa: che i diritti sono dei lavoratori è devono rimanere in capo a loroi, non può continuare a vessare ed opprimere un’intera classe lavoratrice, perché chi manda avanti la macchina del soccorso tecnico urgente è proprio la base (I LAVORATIORI) e non chi è seduto dietro una scrivania solo per aspettare di star seduto dietro una scrivania più grande. E in ultimo vogliamo evidenziare al Comandante Provinciale VV.F. che in USB VV.F. quando qualcuno tocca i diritti di uno, tocca “TUTTI” noi altri, poiché i diritti dei lavoratori camminano sulle gambe di tanti Andrea Cossu. A ciò vorremmo ricordare al dirigente locale quando da giovane direttivo si avvicinava al palazzo del Viminale sotto la veste sindacale che - nessuno ha chiamato i carabinieri, perché nessuno temeva nulla, ne tanto meno che qualcuno rubassi i dati sensibili…..siamo i vigili del fuoco che vivono in luoghi di lavoro comuni per tutti. Ecco perché oggi gli stessi lavoratori precari e permanenti aderenti ad USB Vigili del Fuoco Calabria, hanno deciso all’unisono di rendersi disponibili a partire in massa per Savona, al fianco del collega Andrea Cossu, proprio perché i diritti dei lavoratori non si elemosinano ma si ottengono con la lotta di classe nelle piazze e con la vera altissima forma di resistenza che USB VV.F. ha.

 

 

Catanzaro, 24/08/2018

F.to

La Confederazione USB Calabria

 

 

F.to

Il Coordinamento Regionale USB VV.F. Calabria Precari e Permanenti